Blog della Teca

Riflessioni sulla spiritualità, lo gnosticismo e il nostro modo di vedere la vita



Esperienze Interiori: essere il nostro cambiamento

Lunedì, 13 Ottobre 2014 00:00 Scritto da  Teca di Legnano e Milano
Non esiste, almeno credo e spero, sulla faccia della Terra, qualcuno che non desideri cambiare - seppur in minima parte - un qualsiasi aspetto della propria vita.

Anche perché, da che mondo è mondo e da che l’homo sapiens è diventato homo sapiens sapiens, il cambiamento non solo si è rivelato un esercizio utile, ma necessario.

Tuttavia, nessuna pratica si è dimostrata altrettanto difficile.
Ma, in definitiva, cosa ci impedisce di cambiare? Tutti desideriamo un cambiamento radicale, presumendo che per metterlo in atto occorra fare qualcosa si drastico e definitivo. Che poi, puntualmente, non si verifica.

Eppure, la vita ci mette continuamente nelle condizioni di cambiare senza dover aspettare all’infinito che si verifichino eventi esterni considerati, a sproposito, essenziali affinché il mutamento si realizzi; vedi l’eterna attesa di cambiare lavoro, stile di vita, partner, casa, conoscenti, di cambiare aria insomma.

Anche perché, nei casi in cui questi avvenimenti si realizzano, ci accorgiamo di non riuscire comunque a fare il salto definitivo, a spiccare il volo verso l’ambita “nuova dimensione”.

Cosa ci trattiene allora nella solita dimensione dell’immobilità perenne?

I tanti, troppi fili della nostra rete esistenziale: la paura dell’ignoto, le abitudini che ci legano alla nostra vecchia vita, i condizionamenti delle persone che ci gravitano intorno, il nostro passato, le aspirazioni sul nostro futuro, dimentichi come siamo del presente…

Siamo così immersi in questa rete di influenze interne ed esterne che anche quando si creano le condizioni per il cambiamento, non le vediamo, anzi le ignoriamo quasi deliberatamente.

Cosa dobbiamo fare per vederle?

La volontà di cambiare, di cui parlava lo stesso George I. Gurdjieff, è la fiammella di una candela che sempre accesa illumina anche i sentieri più bui.

Il vero cambiamento avviene attraverso un atto di volontà ribadito e ripetuto, in ogni nostro respiro, durante il quale ognuno deve ricordarsi di volere.

Non si può cambiare una volta per tutte, ma in tutti i momenti per tutta la vita.

Perché non si tratta di farci investire da una vampata improvvisa e repentina, bensì di produrre una nota costante che – armoniosamente – va suonata nella nostra esistenza.

La visione del cambiamento in noi va protetta, alimentata e custodita, come un fuoco sotto l’alambicco del nostro io, fino al momento in cui noi stessi diventeremo il nostro cambiamento.
Ultima modifica il Martedì, 03 Maggio 2016 19:14
Letto 1498 volte
Ti piace?
(18 Voti)

Commenti (0)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes
Ancora non ci sono commenti dei visitatori.
Perchè non inizi tu ad attivare il dibattito?

Lascia un Commento!

Per pubblicare IMMEDIATAMENTE i tuoi commenti Registrati o Entra nel tuo account. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location