Blog della Teca

Riflessioni sulla spiritualità, lo gnosticismo e il nostro modo di vedere la vita



Mente Poetica

Mercoledì, 15 Luglio 2015 00:00 Scritto da  Luciano Cercatore
"Il nostro cervello lo usiamo solo in minima parte, ricordatelo Luciano. Tutto l'altro ben di Dio va sprecato, se non lo coltivi!"
Le parole dell'amata signora, la mia maestra, risuonano in testa mentre mi affanno sull'articolo commissionato dal giornale. Mi sto sforzando troppo con la mente razionale, è evidente, pretendo di scrivere oppresso da una scadenza.
"Jill Bolte Taylor, brillante neuroanatomista americana, ha scoperto le potenzialità della mente, dovendo vivere l'esperienza di un ictus che le ha paralizzato la parte logica del cervello. La straordinaria capacità di autosservarsi e la tenacia con cui ha lottato per guarire, diventano l'appassionato racconto delle potenzialità nascoste nella parte creativa del cervello umano."

È facile accorgersi che alcuni simboli, immagini, poesie o suoni fanno vibrare qualcosa di nascosto in fondo all'anima. Questo mondo ha invece troppo esaltato la razionalità, giudicando folle la dimensione dell'ascolto e dell'intuizione. La stessa che ci consente di abbracciare, consolare, danzare e vivere con autenticità, quando anche per un solo istante il nostro cuore si apre al respiro del cosmo.
Solo la mente poetica può entrare nel mondo delle emozioni, delle vibrazioni, dello spirito.
L'atto di fede sta nel chiudere gli occhi e sentire. Fede nel fatto che Dio abita in noi e può sussurrarci parole.

Tante idee in testa. Eppure nonostante l'entusiasmo, lo schermo del pc resta ferocemente bianco.
Esco.

È mattina presto e il mio parco è deserto, solo gli uccelli parlano al sole che sorge.
Sulla mia panchina, mi apro all'opera d'arte illimitata, la Natura.
Ascolto il suono della rugiada che bacia le infiorescenze del verde.
Respiro il sapore dell'humus che ubriaca le narici.
Il canto del sole appare, iridescente, tra foglie oblunghe.
Lascio una lacrima scorrere, non ne ho timore.
Adagio, per rimanere in questo incanto, sfilo il taccuino di tasca e scrivo...
Ultima modifica il Sabato, 21 Maggio 2016 18:43
Letto 1417 volte
Ti piace?
(3 Voti)

Commenti (2)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes

Siamo due, da una parte la mente profonda che crea e dall'altra noi che chiamiamo poetico ciò che la mente profonda ha creato. A volte si sintonizzano entrambi sullo stesso mondo e allora capisco. Altrimenti parole come poesia, unirsi al cosmo, essere uno, sono solo parole. E parole più parole non fanno poesia. E non portano al profondo. Ma l'ho sentito il profondo e la meraviglia emtre leggevo l'articolo. Come può essere?

  Allegati
  Ospite

Bellissimo, grazie

  Allegati
  Ospite
Ancora non ci sono commenti dei visitatori.
Perchè non inizi tu ad attivare il dibattito?

Lascia un Commento!

Per pubblicare IMMEDIATAMENTE i tuoi commenti Registrati o Entra nel tuo account. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location