Blog della Teca

Riflessioni sulla spiritualità, lo gnosticismo e il nostro modo di vedere la vita



esperienze interiori: Il potere della relazione -parte 2

Martedì, 15 Marzo 2016 18:50 Scritto da  teca di Milano e Legnano
Sono 290 milioni di persone che al mondo adesso stanno comunicando attraverso l’italiano (secondo stime Onu), 1300 milioni di persone utilizzano la lingua inglese e il cinese viene parlato da 1200 milioni.

Il linguaggio del corpo, e con esso intendo anche lo sguardo, è qualcosa che può annullare o diminuire le differenze linguistiche. Non è facile comunicare in un paese dove non si conosce la lingua …

Ma … il nostro cervello trova sempre soluzioni, chissà se anche a te ti sarà capitato di dover comunicare qualcosa a qualcuno che non era nelle condizioni di capirti, oppure di esserti trovato nella situazione di non capire un altro.

A volte è così difficile riuscire a comunicare davvero qualcosa nel nostro quotidiano, seppur utilizziamo tutti la stessa lingua, trovare le parole giuste, trovare il momento giusto per entrambi.

Ad esempio, in una coppia accade che quando vi è un conflitto i due partner si comportano così: Marta dice a Fabio “tu non ti occupi mai della casa!” e l’altro a sua volta potrebbe rispondere:”tu invece pensi solo a te stessa!”; Marta: “tu pensi solo al lavoro invece!”. Si crea una spirale di accuse reciproche mentre i toni si alzano sempre di più, fino a volte a veri e propri scontri in cui volano oggetti o addirittura coltelli. In più a volte le parole feriscono ancor di più delle lame perché possono arrivare a ferire l’anima.

Sarebbe molto utile in queste situazioni cercare di parlare di se stessi, di come ci fa sentire il comportamento dell’altro, un esempio potrebbe essere che Marta dicesse: “Sai Fabio, sono molto stanca di prendermi sempre cura io della nostra casa, mi piacerebbe avere più aiuto e comprensione da parte tua”. Adesso il punto di rottura non è più posizionato su Fabio, ma su come si sente Marta. Il senso di ciò che voleva esprimere Marta è lo stesso, ma cambiando dal “tu” al “come mi sento”, tutto l’andamento della discussione potrebbe cambiare e non far alterare troppo le vibrazioni di entrambi, in quella spirale di rabbia che si è creata nella situazione precedente.

Bisogna considerare anche il fatto che il linguaggio è interpretato da ognuno in modo diverso, ognuno ha il proprio schema interiore per leggere la realtà e le parole, se parlo di fiducia, è un concetto per il quale ognuno ha un suo schema, una sua tipologia, un suo valore.

Altro elemento da considerare è che, come scrive Mario Pianesi, il fondatore della nutrizione macrobiotica in Italia, "da una stessa informazione, ognuno, ogni volta, ne può trarre tre conclusioni completamente opposte e complementari tra loro".

Marta vede i limiti e i difetti di Fabio, e Fabio vede quelli di Marta, e guardando lo stesso paesaggio non è detto che vedano gli stessi particolari. Ma che insegnamenti possono trarne reciprocamente Marta e Fabio! Se solo riuscissero a vedere la realtà con gli occhi dell’altro, se solo non si barricassero dietro alle proprie convinzioni e meccanismi di difesa, che invecchiando diventano sempre più abili e forti. Cediamo le armi, e lasciamo trovare la strada ai nostri cuori, incontriamoci a metà strada, perché le strade di Marta e di Fabio hanno senz’altro un punto in comune: l’umiltà e la volontà di sapere che possono esistere linguaggi diversi dal proprio.

per andare alla parte 1: http://lateca.info/component/k2/esperienze-interiori-potere-relazione.html
Ultima modifica il Martedì, 03 Maggio 2016 18:37
Letto 1268 volte
Ti piace?
(5 Voti)

Commenti (0)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes
Ancora non ci sono commenti dei visitatori.
Perchè non inizi tu ad attivare il dibattito?

Lascia un Commento!

Per pubblicare IMMEDIATAMENTE i tuoi commenti Registrati o Entra nel tuo account. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location