Venerdì, 09 Ottobre 2015 00:00

Attualità - Perdere restando vincitori

Scritto da La teca di Milano e Legnano
Ti piace?
(4 Voti)
Perdere restando vincitori, ovvero il conflitto come opportunità. Come puoi trovare dentro di te questa risposta? leggi questo articolo
Quante volte sono sfuggita da situazioni difficili, ho aperto la porta e sono andata via, a volte l’ho anche sbattuta…

Una relazione di coppia, di parentela, una relazione di lavoro complicata, un’amicizia… Insomma la vita è stata piena di queste situazioni che mi hanno resa “profuga” da me, dall’altro e dalla relazione.

Ognuno di noi affronta la situazione con una diversa modalità, con un diverso schema appreso spesso nell’infanzia, dal comportamento dei nostri familiari, dalle loro modalità relazionali.

Sono i nostri primi files, i più potenti.

Quante volte diventiamo “profughi” nelle nostre stesse vite?

La parola “profugo” deriva dal latino: profùgu (m), deriv. di profugere, ‘cercare scampo’ ‘fuggire’.

In questo stesso momento, ci sono persone che lottano per varcare un confine, ci sono bambini, donne e uomini che guardano attraverso un muro di filo spinato, guardano al di là del muro, attraverso il quale vedono una speranza, la speranza di riuscire a sopravvivere alla brutalità umana, alla guerra, alla distruzione, alla morte sicura.

Sono numeri ai nostri occhi, sono parole e immagini che arrivano attraverso la televisione o internet.

Quasi ci appare come un altro mondo, non sembra il nostro stesso mondo, anche se tutto questo in una visione più aperta sta accadendo proprio a noi, proprio dentro di noi.
Si cercano soluzioni, un ricco uomo egiziano vuole acquistare delle isole in Grecia per ospitare i migranti.

E mentre fuggono dai loro paesi, sono costretti a lasciare tutto, altri uomini sono impegnati a costruire muri e barricate, a distendere filo spinato, per impedire che la vita scorra oltre il confine.

Nessuno schieramento, nessun punto di vista, io sono sia l’uomo che costruisce la barricata, sia l’uomo che scappa e perde tutto. Io sono l’umanità che è dentro a ogni essere, l’amore che non sempre si manifesta attraverso i baci e le carezze, in ogni essere esiste quel seme, ogni essere è una possibilità di Amore su questa terra, di unione e umanità.

Finché esisterà schieramento, finché il conflitto porterà a un vincente e a un perdente, l’Amore non fluirà attraverso i confini ...

Ma cos’è il conflitto? Che idea ne abbiamo?

Troppo spesso si ha paura di confliggere, forse perché intendiamo in modo errato il conflitto e non siamo capaci di farlo nel modo più costruttivo, e ne temiamo le conseguenze, considerandolo solo distruttivo. Bisogna che troviamo un nuovo modo di entrare in conflitto, che porti alla vincita in ogni caso, nonostante le perdite che si possono avere, nonostante i sentimenti di rabbia e di scontro, paura e odio, nonostante siano meno accettabili e desiderabili, esistono! Esistono nel mondo, esistono nelle persone e in noi, accettarli, viverli e usarli in modo consapevole ci renderà più umani.
Il conflitto avviene quando due o più parti si scontrano, questo a causa di una motivazione esplicita, ma pochi sanno che il motivo reale, il motivo che in realtà alimenta il conflitto, è un motivo nascosto.

E allora come fare per trovarlo? Da dove partire? Una soluzione è nellapossibilità di contattare la nostra vulnerabilità e di mostrarla all’altro, mostrarsi davvero per quel che si è, cercare di essere davvero empatici con l’altro ed essere pronti in qualsiasi momento a lasciar andare le proprie convinzioni.

Il conflitto è produttivo solo se a vincere sono entrambe le parti, così che la crescita di entrambe diventa il risultato più importante.

Può accadere che due persone riescano a conoscersi davvero attraverso un conflitto, due persone sono come due mondi diversi che vengono a contatto, sembra facile, ma non è così in realtà, ed è proprio per questo che avviene lo scontro.

Così come sulla terra può succedere un terremoto, e si sa che dopo un terremoto il suolo terrestre cambia, possono emergere nuove isole, o sprofondarne altre. Anche il conflitto è un occasione di incontro, di scambio ed emersione di nuove prospettive.
Letto 1096 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Maggio 2016 18:52

Commenti (0)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes
Ancora non ci sono commenti dei visitatori.
Perchè non inizi tu ad attivare il dibattito?

Lascia un Commento!

Per pubblicare IMMEDIATAMENTE i tuoi commenti Registrati o Entra nel tuo account. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location