Venerdì, 21 Novembre 2014 00:00

Esperienze interiori: Ti amo..ma

Scritto da La teca di Legnano e Milano
Ti piace?
(10 Voti)
Cosa si nasconde dietro la parola amore? Scoprilo leggendo questo articolo e comprenderai il Segreto che si cela dietro l'amore.
 
L’amore è una possibilità di noi esseri umani, possiamo amare oppure non amare, ma spesso non ci è chiaro il motivo, o il perché proviamo questo sentimento per alcune persone, mentre per altre no …

Noi uomini ci innamoriamo, ma cosa accade in noi quando ci innamoriamo?

Le volte che mi sono sentita innamorata, era perché dentro di me sentivo la voglia di stare con l’amato, e sentivo un emozione che permeava tutto il mio corpo, eccitazione, desiderio, gioia, un mix di emozioni e di sostanze che circolava nel mio corpo.

A livello scientifico sappiamo che nel nostro corpo vengono prodotte endorfine, che ci donano una sensazione di benessere.

Ma l’Amore in quanto tale, come si potrebbe definire?

L’amore è forza che unisce, è attrazione tra le cose, tra le molecole, è forza di coesione, è quella forza che tiene unito tutto l’universo. L’amore in quanto tale in realtà è espressione di un principio Divino.

Nel nostro corpo, noi non lo sappiamo ma l’ amore lega insieme tutte le nostre cellule, i nostri organi, i neuroni che ci permettono di pensare.

Il nostro amore umano, il più delle volte è relativo, perché spesso è sposato con un'altra emozione: la sofferenza, anche se a volte non ne abbiamo coscienza.

Ma perché?

Perché genera malessere, vive di aspettative verso l’altro e verso se stessi, vive di menzogne che si raccontano a se stesso e agli altri, vive di apparenza, di possessione, che genera gelosia e frustrazione, vive di senso di bisogno, io ti amo ma ho bisogno del tuo amore per continuare ad amarti, ti amo perché ho bisogno di te per non stare sola, vive di senso del “dovere”.

Dietro ad una relazione amorosa, potrebbero nascondersi motivazioni inconsce o consce molto diverse dall’amore che si può percepire esteriormente.

Quando scelgo un partner: chi sto amando?

Una prolungamento di me stesso, una proiezione di mio padre o mia madre, oppure la persona più gradita ai miei genitori interni ed esterni? Domande a cui è doveroso rispondersi, se si vuole arrivare a vivere una relazione sana con l’altro.

Spogliamo il nostro amore da tutti questi perché, e queste maschere, rendiamolo nudo, e vediamo cosa resta…

Ci fa paura abbandonarci all’altro per come realmente siamo? Mostrare le nostre vulnerabilità e imperfezioni…

Fare questo non vuol dire essere fragili, ma essere coraggiosi, ci vuol coraggio per mostrarsi veramente nudi davanti all’altro. Guardami dentro, anche se non ti piacerà tutto di me, sono questo e te lo dono. Io mi dono a te senza paura, e nel donarmi a te sono su un piano di Verità, e solo se siamo su questo piano potremo amarci davvero.

A quel punto, quando sono nuda davanti a te, ti do la possibilità di scegliere se amarmi davvero.

Ma questo siamo pronti a farlo?

Spesso all’inizio di una relazione è proprio evidente come entrambi i partner mostrino con molta facilità i loro aspetti più belli, e vivano in un una sorta di identificazione reciproca e sull’amore, che rappresenta una fase, con il suo fascino e i suoi sviluppi, che poi finisce, l’identificazione pure … E il principe si trasforma in ranocchio, la principessa in strega …

Prima di iniziare ad amare, ed iniziare una relazione, bisognerebbe conoscersi, scoprire se stessi, le proprie parti più scure e “meno amabili”, sperimentarsi, darsi tutto quello di cui si ha bisogno da soli, insomma predisporsi all’amore, e poi … si è pronti a donare qualcosa all’altro.

Ma nella nostra vita non c’è solo il nostro partner, ci sono tutte le persone con le quali quotidianamente ci relazioniamo, con le quali abbiamo una rapporto di frequentazione ; a volte è più facile amare l’altro, altre volte è più difficile, ma è proprio quando è più difficile che possiamo diventare persone migliori, come dice Gesù nei Vangeli.

Le differenze sono fonti di ricchezza, integrare l’altro da me, mi rende più completa, mi nutre.
In verità tutto quello che le persone ci portano, non è nient’altro che ciò di cui abbiamo bisogno per evolvere e per tornare al nostro vero Sé.

L’amore deve poter avere spazio per nascere libero e svilupparsi, e quando è vero ci fa sentire davvero parte del cosmo, e parte di Dio, l’amore che non chiede, l’amore che è, l’amore che nutre e non chiede di essere nutrito. L’amore che moltiplica i pani e i pesci per chi ha fame.

Questo amore è fonte di guarigione, ed è una forza sanante per il mondo.

Quando si consuma l’atto d’Amore, due veri amanti dovrebbero connettere tutti i loro corpi, (corpi materiali e sottili) alla stessa frequenza, per vibrare insieme, e quando questo accade in pochi istanti percepiranno qualcosa di straordinario.

L’Amore presuppone l’atto di vedere l’altro, per come esso è, se ci pensate è molto difficile fare questo, riuscire a fare spazio dentro di sé per accogliere altro da sé, purificarsi per liberarci dai preconcetti e limitatezze, l’amore per l’altro è anche riuscire ad ascoltarlo davvero e provare empatia.

L’empatia è il primo passo verso l’altro, è la prima cosa che dovremo insegnare al nostro bambino, perché nella vita ci aiuterà a metterci in relazione con le emozioni e con le emozioni degli altri.

Molti problemi in questo mondo nascono proprio a causa di una mancanza di empatia, e dall’egoismo che ha le sue radici nell’infanzia e nei rapporti con la famiglia di origine.

Molti di noi, sono nati in contesti anaffettivi, o contesti carenti di amore, nonostante in apparenza abbiamo tutti avuto un infanzia “felice”, chi più chi meno, ma se i nostri genitori non hanno stimolato in noi il seme di questo amore pulito, dovremo noi da soli, farlo prima di tutto per noi stessi, solo allora potremo donare diventando Amore.
Letto 2311 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Maggio 2016 19:12

Commenti (2)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes

Sono stanca di sentirmi dire come dovrebbe essere l'amore perfetto, l'amore cosciente. Sono stanca di sentire dire che per amare bisogna prima fare tirocinio nella psicoanalisi per capire se amo mio padre, mia madre, mio fratello o mia sorella. L'Amore è un traguardo che non so se raggiungerò in questa vita, ma, nel frattempo, ogni relazione mi aiuta a d aggiungere un pezzetto di consapevolezza in più su di me e sul mio modo di amare. Ti amo? Cerco di amarti come ne sono capace e non lo trovo riduttivo. In te ritrovo mio padre, mia madre, i miei fratelli... Non posso aspettare di conoscere Amore per sperimentare amore. In ogni relazione Amore appare, scompare, affiora, si inabissa, ma lascia sempre il segno. Amo l'Amore per quello che ne sono capace, e questo mi da' tutta la libertà di amare.

  Allegati
  Ospite
Ancora non ci sono commenti dei visitatori.
Perchè non inizi tu ad attivare il dibattito?

Lascia un Commento!

Per pubblicare IMMEDIATAMENTE i tuoi commenti Registrati o Entra nel tuo account. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Avvio Cron Job