Martedì, 21 Ottobre 2014 00:00

Gurdjieff e Quarta Via: la casa senza padrone

Scritto da
Ti piace?
(23 Voti)
Immaginiamo una grande casa dove il padrone non è presente. All'interno si trovano molti servi, il cui lavoro però non viene coordinato da nessuno.
Immaginiamo una grande casa dove il padrone non è presente. All'interno si trovano molti servi, il cui lavoro però non viene coordinato da nessuno. E' una casa dove la servitù fa quello che vuole. Arriva il panettiere a consegnare la fornitura di pane, ma apre la porta lo stalliere che fa mettere il pane nella stalla. Arriva l'idraulico che deve riparare le tubature del bagno, ma apre la porta il cuoco che lo fa accomodare in cucina.

La mancanza di coordinamento fa sì che a determinati stimoli esterni non risponda mai chi di dovere. Accade la stessa cosa nell'essere umano. Ci presentiamo a un esame universitario, ma invece che entrare in azione solo il centro intellettuale, si intromette anche quello emotivo con il suo carico di ansia, paura e imbarazzo, il che rende molto più difficile, se non impossibile, il superamento della prova. A un incontro galante con una bella donna o un bell'uomo, entra in azione il centro intellettuale anziché il Cuore, il che ci rende logorroici e poco attraenti. Nel bel mezzo di un rapporto sessuale a un dato momento il centro intellettuale prende il sopravvento con i suoi dubbi e le sue aspettative...secondo voi quale può essere la conseguenza?

Le cose all'interno dell'abitazione vanno così male che alcuni servitori un bel giorno decidono di eleggere un maggiordomo. Questi servitori sono gli io del Lavoro, cioè quegli io - quelle parti di noi - che a un certo punto sentono il bisogno di cambiare la situazione e ci costringono a intraprendere un Lavoro su noi stessi (...) Il maggiordomo inizia a osservare, a seguire passo, passo i vari servi per capire cosa effettivamente sta succedendo nella casa. Egli deve imparare a conoscere la casa. Il solo fatto che un maggiordomo li osservi, va già a modificare il comportamento dei servitori. L'osservatore modifica l'oggetto osservato. Non giudica, non parla, non interferisce in alcun modo, ma la presenza costante di questo silenzioso testimone, giorno dopo giorno, quasi magicamente comincia a mettere a posto le cose e prepara l'arrivo del padrone di casa: l'anima.

L'Io osservatore, il "testimone" non è morale e non giudica in alcun modo gli atti dei vari io. Se stiamo giudicando è perché non stiamo guardando con il "testimone" ma con uno degli io, cioè con una parte della nostra personalità e questo può condurre a una pericolosa scissione interna della mente.... Il testimone è pura presenza, distaccata, priva di opinioni personali riguardo a ciò che fa la macchina e a ciò che fa il mondo intorno a lei. L'Io osservatore non fa nulla per cambiare la situazione, ma si limita a osservare con distacco - senza farsi coinvolgere - ciò che accade nell'apparato psicofisico.

Osserva la rabbia, la felicità, il disappunto, la frustrazione... sperimentate di volta in volta dalla macchina biologica, con la medesima imperturbabile obiettività. Se di fronte a una rissa la personalità vuole intervenire il "testimone" non glielo impedisce, se la personalità vuole restare passiva il "testimone" non glielo impedisce. Guarda e basta.

Perchè "costruire" l'osservatore? Siamo contenti di come ci comportiamo? Oppure abbiamo capito che la nostra Vita può essere altro che le solite reazioni agli eventi?
Letto 4335 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Maggio 2016 19:35

Commenti (0)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes
Ancora non ci sono commenti dei visitatori.
Perchè non inizi tu ad attivare il dibattito?

Lascia un Commento!

Per pubblicare IMMEDIATAMENTE i tuoi commenti Registrati o Entra nel tuo account. Sign up or login to your account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location