Seminario Il Castello Interiore

Sapere, Essere e loro sviluppo

Differenze fra sapere ed essere

 Logo lezione sulle differenze fra sapere ed essere
Nel sistema di Gurdjieff la comprensione del principio che differenzia il sapere dall' essere è fondamentale. Nella Quarta Via, infatti, non basta studiare, conoscere o approfondire intellettualmente i concetti per essere individui "maturi". E' necessario far crescere il nostro essere profondo.

Cerchiamo di comprenderlo insieme:
SAPERE: si puó sapere senza conoscere. Sapere è semplicemente possedere una nozione, senza averla ancora sperimentata. È la potenzialità propria dell'essere umano di immagazzinare informazioni.

ESSERE: sono le caratteristiche sorte dalle esperienze e da quanto quest'ultime hanno insegnato. Da questo elemento dipende il livello di maturità reale.

Uno psicologo, capace di dare preziosi consigli ai suoi pazienti, ma incapace di metterli in pratica quando si trova ad affrontare situazioni analoghe, rappresenta il classico esempio di un uomo che ha sviluppato il sapere e poco l'essere.

Un contadino capace di grande serenità interiore, ma che non vuole imparare sistemi migliori per arare il terreno è un esempio di colui che ha sviluppato l’essere a discapito del sapere.
Gurdjieff affermava che entrambi questi tipi di individui sono "parziali" e che il loro sviluppo è parziale.
La Quarta Via ha come obiettivo la crescita armonica fra sapere ed essere, i quali sono concetti profondamente correlati a quelli di Personalità ed Essenza. La personalità, infatti, si fonda sul sapere, mentre l'essenza si basa sull'essere; far crescere armoniosamente queste due componenti è un aspetto fondamentale del lavoro su se stessi.

Un’esperienza vissuta e non compresa è un’esperienza parziale, cosí come un’esperienza conosciuta, ma non vissuta.

La combinazione del Sapere con l’Essere genera la vera CONOSCENZA.

La Conoscenza non può mai essere frutto della mera teoria, si può definire tale solo quando viene confermata attraverso la pratica. Il processo di Conoscenza avviene quando tutti i centri dell’uomo (istintivo-motore, intellettuale ed emozionale) vi partecipano.
Ignaro della verità che ha in sé, lo stolto la cerca nei libri, come uno stupido pastore che cerca una capra nel pozzo quand'è nell'ovile. La conoscenza discorsiva non serve ad andare oltre le illusioni del mondo, proprio come il buio non cessa di esistere solo menzionando una lampada. (Kularnava Tantra I)
Per ulteriori approfondimenti consigliamo di leggere l'articolo di studio il lavoro su se stessi.

Vai alla Lezione 6


Legenda:
Logo sezione bibliografica Citazioni bibliografiche Logo sezione concetti importanti Citazioni importanti Logo sezione domande importanti Domande salienti Logo sezione risposte Risposte focali
Avvio Cron Job