Seminario Il Castello Interiore

Legge del sette o delle ottave

Scritto da Giovanni M. Quinti.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Le ottave di Gurdjieff o legge del sette

All’interno di una scuola di quarta via si comprende che il Lavoro si svolge su diversi piani. Il primo è quello individuale: il lavoro su di sé...

... per gli altri e per la scuola. Il secondo è quello della comprensione e dell’apprendimento delle leggi cosmiche. In realtà questi due piani non sono distinti. La comprensione di certe leggi cosmiche permette di comprendere le leggi che regolano la macchina umana e viceversa.
 
Analizziamo una legge cosmica che si postula sul principio che tutto l’Universo consiste di vibrazioni. Queste vibrazioni agiscono in ogni tipo di materia (in quanto tutto è energia) e ammantano tutto l’Universo. In realtà dobbiamo immaginare tutto il creato continuamente pervaso di queste energie vibrazionali, che hanno un aspetto più o meno grossolano, più o meno materico. Eppure queste vibrazioni non sono costanti, ma mutano, e le vibrazioni all’interno di un moto crescente non crescono in modo uniforme.

Mettiamo il caso che agiamo una certa forza su una palla da biliardo su un terreno liscio. Quando diamo l’impulso il moto che la palla assume è crescente. Arrivato al punto massimo il suo moto decresce sino ad arrestarsi.

Ottave nella quarta via

La legge delle ottave ci spiega che nella fase di aumento della velocitá (o nella diminuzione) la forza a cui la nostra palla da biliardo é sottoposta non è uniforme, bensì vi sono dei periodi in cui rallenta impercettibilmente per poi riprendere in modo normale.

Prendiamo i due punti della fase di aumento di velocitá e attribuiamogli un valore numerico ipotetico da 1000 a 2000. La legge del sette ci spiega che in questo intervallo di mutamento delle vibrazioni si produce un rallentamento nella loro progressione. L’uno è a breve distanza dal punto di partenza l’altro quasi alla fine.

Ottave nella quarta via

Alcuni potrebbero obiettare che una tale teoria nulla ha di scientifico, perchè la prima legge della Dinamica ci spiega che se un corpo è soggetto ad una accelerazione, senza subire alcuna influenza d'altro genere che possa modificarne la velocitá, quest'ultima sará costante a certe leggi prestabilite.

Desidero ricordare al mio lettore che la legge del sette o delle ottave non ha alcuna intenzione di modificare i postulati di Newton sulla Dinamica. Il suo scopo è un altro e cercheremo di tracciarlo in questo articolo.

Nel passato molte scuole filosofico-religiose conoscevano l'idea di tale moto non uniforme e la rinveniamo in molti dei loro glifi o diagrammi: spesso era rappresentato con uno schema ottagonale composto da otto gradini. Questi otto gradini rappresentavano la decellerazione del moto delle vibrazioni in punti precisi. Come vediamo nell'immagine in alto il moto in un certo punto decade per poi riprendere il suo decorso naturale.

Possiamo trovare un esempio della legge del sette anche nella scala musicale. In essa tra il MI ed il FA e il SI ed il DO (quasi all'inizio e quasi alla fine della scala dei toni) manca un semitono.

Pianoforte di Gurdjieff

Lo scopo della legge del sette descritta da Gurdjieff ci spiega perchè in tutte le forme vibrazionali (e quindi in tutto l'universo) vi sono fasi in cui la vibrazione ha bisogno di una spinta maggiore per mantenersi lineare. Quando una vibrazione inizia il suo percorso ha, a causa della decelerazione momentanea e del "semitono mancante", una impercettibile deviazione.

Ottave decelerate di Gurdjieff

Per questo tutto muta in natura ed è anche ciclico. Infatti se andassimo avanti nel diagramma mostrato qui in alto vedremmo come il tracciato, modificato dai semitoni mancanti, diventerebbe simile ad un cerchio chiuso fino al punto che la direzione originale si trasformerebbe esattamente nel suo opposto.

Se siete interessati al tema di questo articolo, leggete la seconda parte. Per ulteriori approfondimenti vi rimandiamo alla lettura del libro Frammenti di un Insegnamento Sconosciuto di P.D. Ouspensky.
Avvio Cron Job