Seminario Il Castello Interiore

shock addizionali

Scritto da Giovanni M. Quinti.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Shock addizionali immagine

Se ci basiamo sull’osservazione ci possiamo rendere conto che in talune ottave, ossia in talune iniziative umane, è possibile che... 

... l'azione intrapresa si mantenga retta e raggiunga lo scopo. Questo è dato, tranne che in casi particolari di Lavoro su di sé, da ottave parallele che, casualmente, entrano in sintonia con l’ottava principale andando a colmare i "semitoni mancanti".

Ottave parallele di Gurdjieff

Questi scontri casuali fra ottave vengono chiamati "shock addizionali". Nella scala musicale sappiamo che i toni mancanti sono fra il Mi ed il Fa e tra il Si ed il Do.

Shock addizionali ascendenti di Gurdjieff
Nella Quarta Via si afferma che il secondo shock dell’ottava, quello fra il Si ed il Do, deve essere di un tono alto e di una forza maggiore del primo.

Nell’uomo ordinario questi shock possono essere frutto del caso. Ottave diverse e parallele che si intersecano nella principale possono permettere uno svolgimento in linea retta che dà una fortissima sensazione di poter “fare”. Il problema è che se queste ottave parallele non ci fossero la linea retta non si verificherebbe. In effetti l’uomo ordinario è soggetto al caso che sorregge o meno i semitoni mancanti delle ottave determinando così il successo o l’insuccesso di una azione.

Se, però, si costruiscono COSCIENTEMENTE degli shock (senza attenderseli dal caso) e se questi vengono costruiti secondo un certo modello è possibile permettere all’ottava di proseguire in linea retta. Per fare questo è necessario riconoscere la legge del sette nella vita ordinaria e porvi rimedio con degli shock utilil al riempimento dei toni mancanti.

Il compito non è facile in quanto dovremmo conoscere meglio noi stessi ed essere abbastanza svegli per riconoscere quando una iniziativa cambia di tono, modificandosi.

All'interno di una scuola di Quarta Via questi shock vengono azionati nei giusti momenti in cui un'ottava sta mutando il suo percorso. La scuola stessa a sua volta deve essere costruita secondo il modello dell’ottava e riconoscerne le Leggi che la regolano.

Il primo passo da fare è quello di imparare a vedere i nostri obiettivi come ottave ed imparare a riconoscerne i semitoni mancanti: i momenti in cui l’impulso originale, la motivazione personale e, quindi, ció che si fa prende un'altra forma. In quel preciso momento sarà necessario uno sforzo maggiore o un aiuto esterno in modo che l’attenzione possa essere costante e che si generi nuovo vigore alla spinta iniziale.

Questa legge é molto importante nel lavoro interiore. Se vi impegnerete nell'osservazione di voi stessi, vi renderete conto che anch'essa é un'ottava e subisce modificazioni costanti nel tempo.

Vi renderete conto che nel tentativo di ricordare voi stessi, ad esempio, potrete abbastanza facilmente svolgere questo esercizio per un pó (note DO e RE e MI), ma dopo un certo periodo vedrete quanto vi dimenticherete di voi e vi sará quasi impossibile mantere il vostro proposito "in linea retta".

Se, però, nel vostro esercizio applicherete questa Legge, potrete darvi uno shock addizionale ed aiutarvi nel raggiungimento del vostro obiettivo.

Nella fase di "cambiamento di tono" sarà necessario applicare uno shock preciso per il suo superamento. Di che tipo di shock stiamo parlando? Cosa è uno shock e come puó essere imposto a se stessi?

Chi desidera approfondire questo tema puó leggere l'articolo "Esempio pratico di Shock Addizionale". Imparare a vedere nella vita quotidiana la legge del sette e sviluppare la capacitá di darsi autonomamente i giusti shocks addizionali sono alcuni degli strumenti di cui lo studente puó dotarsi all'interno delle scuole di quarta via.
 

 

Avvio Cron Job