Blog della Teca

Riflessioni sulla spiritualità, lo gnosticismo e il nostro modo di vedere la vita

Blog Gurdjieff e Quarta Via
Mercoledì, 15 Luglio 2015 00:00

Mente Poetica

Scritto da Luciano Cercatore
Il nostro cervello lo usiamo solo in minima parte, ricordatelo Luciano. Tutto l'altro ben di Dio va sprecato, se non lo coltivi Le parole dell'amata! Cosa voglio dire? Prova a capirlo tu stesso leggendo questo mio post...
Ti piace?
(3 Voti)
Martedì, 30 Giugno 2015 00:00

Seminario sulla Morte

Scritto da Luciano Cercatore
Certo che alla Teca sono matti. Un seminario su Malattia e Morte come Maestre di Vita è roba che sfida ogni regola di marketing! Leggi qui cosa è accaduto...
Ti piace?
(2 Voti)
Giovedì, 18 Giugno 2015 00:00

Le mutande giuste

Scritto da Luciano Cercatore
“Cercare lo psicoterapeuta giusto è come acquistare delle mutande” ha detto Mary Jane, la mia amica esperta in analisi. Lei è proprio una bella donna, è bello chiacchierare sorseggiando i suoi drink. “Lo sai che una volta pagate, non si cambiano. Trovare la persona giusta al primo appuntamento è quasi impossibile. Peggio che cercare un partner!” E ride. Inutile propormi con lei mentre trattiamo questo argomento. “E così, puoi fare due cose, andare in giro con delle mutande che ti stringono, che ti lasciano il segno, che si spostano continuamente oppure prendertela con molta calma, ma avendo chiaro quali sono i tuoi bisogni e obiettivi. Non è giusto chiedere al corpo di adattarsi alla biancheria, per bella o firmata che sia. Sono le mutande che devono adattarsi al tuo corpo!” Oggi me ne ha raccontate di tutti i colori: “Ci sono quelli che ti rimproverano perché non hai ancora superato una relazione di dipendenza, quelli che si rifiutano di parlare un’altra volta di tuo padre, perché «abbiamo già affrontato l’argomento», quindi abbiamo risolto, vero? Quelli che marcano un’eccessiva distanza, forse perché temono di assomigliarti, hanno paura di scoprirsi anche loro dei semplici esseri umani che tentano di essere più felici…” Mi ha raccontato di quando si è sentita giudicata, accusata, offesa e abusata da qualche originale individuo, che pensa di avere fatto un buon lavoro su di sé semplicemente perché conosce qualche sofisticata teoria. “È triste dirlo, ma ci sono anche quelli che ti vedono soltanto come moneta sonante che entra in cassa e ti tengono lì, prigioniero, dipendente e bisognoso per anni”.Inizio così la mia ricerca. Audace, ma consapevole delle difficoltà in cui forse mi imbatterò. Che però non saranno soltanto mie. Sono davanti alla porta del primo terapeuta della mia vita, è un nome abbastanza noto. Ricordo sorridendo la storia delle mutande. Ascolto il piccolo Luciano e tutte le emozioni che ho paura di far affiorare.Respiro. E chiedo alla mia parte fragile di aspettarmi fuori, di non entrare questa volta. Prima voglio fargli delle domande, prima devo capire se quest’uomo merita la mia fiducia, se merita l’importante nome di Terapeuta. Lo devo a me e lo devo a Mary Jane.
Ti piace?
(4 Voti)
Martedì, 16 Giugno 2015 00:00

esperienze interiori: la pietà

Scritto da Teca di Legnano e Milano
La pietà Rondanini. La morte del maestro lo colse mentre scolpiva questa Pietà: nessuno gliela aveva commissionata, era l’ultimo suo dono al pianeta.
Ti piace?
(7 Voti)
Giovedì, 04 Giugno 2015 00:00

Pensiero Positivo

Scritto da Luciano Cercatore
mi sono immerso nell’infinita letteratura del “pensiero positivo”: la legge di attrazione, come diventare un uomo di successo, come raggiungere il benessere psico-fisico in 10 passi, la preghiera della risata e migliaia di altre pratiche. Dura orientarsi in questo bibliografico mare tra il consolatorio e l’illusorio... ad ogni modo, oggi coltivo l’ottimismo, io posso e voglio progettare e realizzare la vita che veramente merito e sogno. Il fatto è che non credo in un modello di un essere umano per lo più sorridente, spesso con le tasche piene e beato in amore... troppo facile. Non ci credo... ma ci provo. E sono deciso a passare all’azione. Non posso stare sempre in bilico tra difficili testi alchemici e cronache dal mondo reale, che certo non alimentano la speranza. Sul mio diario traccio una mappa di cosa mi succede nell’oggi. Vengo da un viaggio nella terra dei miei antenati, da un amore fallito, da alcune conversazioni proficue con gli amici di sempre, poi i miei studi, le pratiche di meditazione e preghiera e il lavoro, che sta andando alla grande: non c’è male. E ora, dove voglio andare? Quali sono i miei bisogni? Voglio sognare in grande. Scrivo 5 desideri a medio termine e i passi necessari per realizzarli. Ma è possibile ridurre la complessità del nostro animo e il mistero del nostro cammino a poche formulette e procedure? No, la risposta è no!Il mio planning nel frattempo è pronto: oggi bevo tre litri di acqua, così, tanto per depurarmi, 10 minuti di visualizzazione creativa e poi via, corsa nel parco, 4 ore (ma non di più) di lavoro. E stasera esco con una donna, chissà che non si riveli un incontro che duri più di qualche ora. Prima di uscire, 10 minuti di frasi automotivanti allo specchio.Ma un buon planning non basta, perchè evolversi non è facile. Diciamocelo chiaro e stop!Ci sarà un motivo se si chiama la “Via stretta”, se viene assimilata alla salita al monte, se Dante la fa incominciare con la selva oscura, dove la paura lo sta per travolgere.Infatti ci sarebbe un’altra lista, molto più ardua da affrontare. Contiene solo domande: come prendermi profondamente cura di me? Cosa coltivare e cosa fare morire? Cosa mi piace davvero e cosa fa parte della superficie del mio essere? Come imparare a stare nella solitudine?Io al pensiero positivo non ci credo, ma ci provo!Luciano Cercatore
Ti piace?
(8 Voti)
Pagina 6 di 15
Avvio Cron Job