Il Cavaliere dall'Armatura Arrugginita

C’era una volta, in una terra lontana, un Cavaliere che pensava di essere buono, generoso e amoroso.
Uccideva dragoni e riscattava Principesse in difficoltà.
A volte, però, aveva la cattiva abitudine di salvare damigelle anche quando non desideravano essere riscattate e, a causa di ciò, nonostante molte gli fossero grate, molte altre si mostravano furiose con il Cavaliere.

Il nostro Cavaliere era famoso per la sua armatura. Rifletteva i raggi della luce in modo così brillante che la gente del paese giurava non aver visto il sole con altrettanta bellezza.
Innanzi la sola menzione di una battaglia, il nostro Cavaliere indossava l’armatura con grande entusiasmo, montava il suo cavallo e cavalcava in qualsiasi direzione. Il suo entusiasmo era tale che, a volte, partiva in varie direzioni allo stesso tempo (e ciò non era, di certo, una cosa semplice da fare!).

Il Cavaliere aveva una moglie fedele e abbastanza tollerante che si chiamava Giulietta e aveva un figlio dai capelli dorati, Christopher, che sarebbe di certo diventato un Cavaliere come lui!
Giulietta e Christopher vedevano poco il Cavaliere perché, quando non stava lottando in una battaglia, uccidendo dragoni o salvando principesse, era troppo occupato provando la sua armatura e ammirando la sua brillantezza.
Con il tempo il Cavaliere si innamorò a tal punto della sua armatura che iniziò a indossarla anche per cenare e, molto spesso, addirittura dormiva senza spogliarsene!
Con il passare del tempo, non sentì più l'esigenza di togliersela e, poco a poco, la sua famiglia iniziò a dimenticare il suo vero aspetto…

Seminario Residenziale di 3 Giorni
21-23 giugno 2019 - gazzada schianno (VA)

Guarda in basso!
Lavoreremo sulle nostre Maschere
Alla Scoperta del nostro Vero Volto.


bordo
“Sono così abituata a soddisfare le richieste degli altri, che già non so più cosa voglio io."   (Veronica)

“Perchè devo sempre essere io quello forte?”   (Alberto)

“Sono così immerso nella corsa di ogni giorno che, a volte, non so se quello che faccio mi piace davvero oppure no.”   (Sebastiano)

“A volte dubito del fatto che la vita abbia un senso.”   (Maria)

bordo

Fermati e Dedica un fine settimana a Te stesso!

Partecipa anche tu!
ISCRIVITI OGGI!


Programma del Seminario

Venerdi 21 Giugno - Ore 17,15
Venerdi 21 Giugno - Ore 18,45

Riflessioni e Esercizi di Gruppo

Condotto da Responsabili Teca
Sabato 22 Giugno - Ore 9,30

Il Castello del Silenzio

Condotto da Giovanni M. Quinti
Sabato 22 Giugno - Ore 11,30

Esercizi in piccoli gruppi

Condotto in piccoli gruppi
Sabato 22 Giugno - Ore 15,30

Il Castello della Conoscenza

Condotto da Giovanni M. Quinti
Sabato 22 Giugno - Ore 18,45

Esercizi Comunitari e Individuali

Condotto in piccoli gruppi
Sabato 22 Giugno - Ore 22

Spettacolo Danze di Gurdjieff

Corpo di Ballo della Teca
Domenica 23 Giugno - Ore 9,30

Il Castello del Coraggio

Condotta da Giovanni M. Quinti
Domenica 23 Giugno - Ore 11,15

Esercizi, Riflessioni e Condivisioni

Condotta da Giovanni M. Quinti
Domenica 23 Giugno - Ore 15

Riflessioni sull'Esperienza: cosa abbiamo imparato?

Tavola rotonda fra tutti i partecipanti
Domenica 23 Giugno - Ore 16

CONCLUSIONE DEI LAVORI

Chiusura del Seminario
Avvio Cron Job